Cagnolini

Cure, premure e manutenzione di sé e degli altri

testo di Fabio Fassio

con Dario Cirelli e Fabio Fassio

regia di Elena Romano

pupazzi e costumi Teatro del Corvo

destinatari: domeniche a teatro, scuola per l'infanzia - dai 3 ai 5 anni

 

durata dello spettacolo: atto unico di 40’ - per gruppi di bambini non superiori a 50 unità

 

 

 

GALLERY

foto 01foto 02foto 03foto 04foto 05foto 06

 

LA TRAMA

Una professoressa di astronomia ha, tra i suoi allievi, una giovane ed eccentrica studentessa, Celeste, molto appassionata delle bellezze e dei misteri del cosmo. I dialoghi tra le due protagoniste, ora dal tono spiritoso ora scientifico o poetico, costituiscono il medium teatrale che introduce il pubblico alla scoperta di tante meraviglie dell’universo che incuriosiscono – e talora spaventano - l’umanità fin dalle sue origini. Al discorso più propriamente astronomico, che viene affrontato con il rigore dovuto alla disciplina, si affianca anche un percorso stimolante di domande, poste dall’allieva alla studiosa, in merito a tante curiosità astronomiche: quanti anni ha il Sole? Cosa c’è dentro un buco nero? Esistono gli extraterrestri?

Di lezione in lezione, tra la “Prof” e l’allieva nasce un rapporto di affinità e affetto che, si scoprirà, ha le sue origini proprio in quelle stelle affascinanti e lontane, che le due osservano...ma chi è davvero Celeste, ragazzina inquieta e dalle insospettate conoscenze sull’universo? L’incontro con la professoressa è davvero stato un caso? Tra racconto di fantasia e ispirazioni alla biografia e al pensiero della studiosa, una storia da gustare in leggerezza, “con il naso all’insù”...e con un finale che, forse, non sarebbe dispiaciuto a Margherita Hack...

LO SPETTACOLO

Virgola è un cagnolino abbandonato dal suo padrone alla partenza per le vacanze, viene salvato da un buon pompiere che lo porta a casa dal suo bambino. Ma un cagnolino non è un giocattolo, richiede impegno, dedizione, attenzione. Il cucciolo cresce, e con lui anche le sue esigenze e i suoi bisogni, la sua necessità di dare e ricevere amore. Con lo strumento della narrazione e l'uso di puppets e costumi i bambini vengono accompagnati lungo le tappe della vita di Virgola tra didattica e divertimento.

LE TEMATICHE PRINCIPALI

Lo spettacolo è il pretesto per parlare del “prendersi cura di…”: di se stessi e del proprio corpo, degli altri, dei più deboli, di quelli diversi da noi, degli anziani e degli animali, ed è anche una piccola guida all’ascolto delle loro necessità, specialmente quando non sanno o non possono esprimerle direttamente.

Attraverso la rappresentazione del rapporto uomo-cane saranno esplorati temi legati all’educazione alimentare, all’ecologia, all’educazione all’igiene, all’integrazione, all’educazione civica:

- educazione alimentare: si parlerà della dieta del cane, partendo da quella del cucciolo fino a quella del cane adulto e anziano, e verranno messi in evidenza eccessi, squilibri e rischi legati ad una alimentazione non corretta.

- ecologia: il cane è un animale che per migliaia di anni ha vissuto in natura e ora si è perfettamente adattato a vivere con l’uomo. Egli ha bisogno di esplorare, scavare, correre nei prati, scoprire l’ambiente che lo circonda. Le sue necessità giornaliere costringono anche il suo padrone a “frequentare” la natura, ad ascoltarla e rispettarla.

- educazione all’igiene: i parassiti, le infezioni, le intossicazioni spesso sono legate ad una carenza di igiene. Lo spettacolo offre un modo simpatico e diretto per toccare un tema sensibile, che spesso non è facile da affrontare e comunicare.

- integrazione: andando a spasso nel parco, spesso, il nostro amico a quattro zampe si incontra, scontra, gioca o si innamora. Insieme a lui il suo padrone è costretto a relazionarsi con le persone più diverse, ad accettarle, a discuterci e a giungere ad una forma di convivenza civile.

- educazione civica: un cane è una responsabilità verso gli altri, verso la legge e il decoro urbano: dal microchip, alla sicurezza, all’abbandono, alla necessità di conoscere le leggi, rispettarle, integrarle con il buon senso.

TECNICHE TEATRALI

In scena il teatro d’attore si esprime in tutte le sue multiformi declinazioni: racconto, teatro di figura, animazione, canto, gioco.

Scenografie ridotte al minimo in modo che lo spettacolo possa essere adattato a tutti i tipi di ambienti: una cuccia che contiene tutti gli oggetti e gli strumenti per la cura del cane e un cespuglio che consente i cambi di costume.

 

sede legale: Via XX Settembre, 126 - 14100 Asti
ufficio: via Brofferio, 99 - 14100 Asti
tel. e fax 0141 321402      P.IVA 01539270056

Newsletter

Assicurati di non perdere avvenimenti interessanti iscrivendoti alla nostra newsletter

 

Copyright © 2016 Teatro degli Acerbi. Tutti i diritti riservati.